si poteva respirare nel pensiero,affermò perentorio: fino all'ultimo respiro, perchè un ultimo respiro c'era sempre, anche nel pensiero

venerdì 25 maggio 2012

it hurts.

guarire fa male, guarire è faticoso. non avrebbe senso riprendere a scrivere sul blog se poi pur di darvi coraggio vi conto balle, no: uscirne è davvero complicato, i pensieri non svaniscono, ma sono come un virus: non sai se lo ucciderai o meno, ma puoi calmarlo, mandare Ana affanculo nella tua testa ogni volta che compare, ogni volta che ti dice di pesarti, che hai mangiato troppo, che non ti puoi nemmeno godere la torta alla tua festa di compleanno, che devi anteporre l'iperattività fisica a tutto il resto compresa la tua sopravvivenza. vivendo così.....lo sapete meglio di me: non si esce con gli amici, si pensa di essere normali ma credetemi, se voi faceste come me, se voi riprendeste peso e poi vedeste come siete ora rimarreste sconvolte.
a 35kg io pensavo di esser normale, perfino grassa. adesso che ho rivisto le mie foto ci ho visto un'anoressica e basta.
il mio viso lo preferivo 3kg. fa
non so se sto aumentando o meno perchè la bilancia è scomparsa dalla casa
sono stata un mese all'ospedale e uno in clinica, dopo sono tornata a scuola per non perdere l'anno anche se sarei dovuta restare lì ancora qualche settimana per curarmi di più
ho un piano alimentare da seguire
ho un dietista che mi pesa se va bene una o due volte al mese e ogni volta il peso sale
sono nella fase delle abbuffate ma devo rispettare il piano
i vestiti iniziano a starmi stretti
ma ne vale la pena? si, cazzo si.
avete presente wintergirls? mi pare che fosse in quel libro che alla fine si chiedeva "perchè no"?
e io ora lo so:
perchè se piano piano il tuo corpo degenera e tu non te ne accorgi sei come una bomba ad orologeria che può scoppiare da un momento all'altro, e uccideresti le persone a te più vicine. perchè non ti godi la vita, e quando guarisci tardi hai ormai perso l'adolescenza. perchè se sei magra non sei nulla di speciale, non sei una leggiadra farfalla delicata, o una ragazza fragile come una piastrina di vetro, no, non sei nulla di aggraziato: sei qualcosa che la gente evita, sei una massa di sofferenza, pianti in bagno, vomito e lamette nel braccio finchè non esce il sangue, sempre con quella voce nella testa, che ti fa cadere ai suoi piedi e poi ti calpesta.
e nel soffrire c'è qualcosa che attira, ma poi ti stanchi e pensi di non avere vie d'uscita.
non dico che i ricoveri siano facili, ma cazzo ragazze! siete pericolose per voi stesse, e l'unica cosa da fare è rinchiudervi. avete paura di soffrire? avete paura di lei? non sarà facile, ma ne varrà la pena.
io ci sono, sempre.
non sono guarita, ma voglio volerne uscire, non voglio tornare indietro.
se volete parlarmi scrivete a elly_07@libero.it
se siete anche voi in piemonte e volete sapere qualcosa sulle cliniche o gli ospedali, o se volete sentire più o meno come funziona o come dovreste fare...io non sono un medico, ma se mai sapessi qualcosa vi aiuterei volentieri!
spero che leggiate :)

8 commenti:

  1. Brava bravissima cara! sono contenta per te, per la tua nuova splendida vita! Amo questo post, mi ha tranquillizzata e rassicurata, anche io posso uscirne...anche se soffro di binge a differenza tua. Anche per me ne vale la pena essere sane e LIBERE!!! Mi piacerebbe tanto sapere come è stato il tuo ricovero, che argomenti hai affrontato, che dieta stai seguendo....Ti va di parlarne in un post? mi sarebbe veramente d'aiuto per capire come funziona e cosa posso fare io per vincere le abbuffate...tu hai qualche consiglio??? un bacio e in bocca al lupo...ti stringo tanto <3

    RispondiElimina
  2. Io ti ammiro davvero tanto...

    RispondiElimina
  3. forza piccola, non mollare! ti auguro di riprenderti al più presto
    un abbraccio
    Luna

    RispondiElimina
  4. sei ammirevole... continua così e in bocca al lupo. un forte abbraccio :*

    RispondiElimina
  5. Piccola, sei forte, a dire queste cose, sei davvero forte perchè la verità è così dura da ammettere a volte, e soprattutto a noi stesse...
    Ti ammiro tanto, e ti auguro di riuscire a guarire, con i tempi che ci vorranno, ma ti auguro un giorno di guardarti e riuscire a vedere quella farfalla libera che tanto sognamo d'essere tutte noi...
    Perchè non importa quanto pesi, se sei libera nel cuore e nello spirito.
    Un abbraccio enorme ♥

    Ari

    RispondiElimina
  6. Ne vale la pena, sì cavolo!!!! Vivere è bellissimo e nel momento in cui ti rendi conto di poterlo fare nessuno ti può più fermare! Questo è un momento di transizione, ma tutto questa sofferenza verrà ripagata dopo!
    Continua così!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Non è facile, non lo è neanche per me, ma non è neanche impossibile e magari un po' alla volta tutta questa fatica sarà sempre meno... ti stringo forte!

    RispondiElimina
  8. Non è impossibile, sappilo e ricordalo sempre. E si è più felici una volta guarite.

    RispondiElimina