si poteva respirare nel pensiero,affermò perentorio: fino all'ultimo respiro, perchè un ultimo respiro c'era sempre, anche nel pensiero

venerdì 2 dicembre 2011

oggi è stata una giornata schifosa.
ieri sera ero a 46,5 ma poi sono andata a mangiare una pizza e stamattina ero 47...oggi ero decisissima a scendere, e infatti si è visto: sono tornata a casa prima di tutti, ero da sola e allora il mio cervello non aveva niente di meglio da fare e ha iniziato a pensare, pensare, pensare...ho iniziato a fare step, addominali,  come un idiota illudendomi di riperdere quel mezzo chilo, mi sono pesata un sacco di volte ma il 47 era sempre li.
sono andata a fare un ora e mezza di ginnastica, sono tornata a casa e ho fatto ancora addominali e il 47 non voleva mollare...
ho un piano per domani, è l'ultimo giorno prima della festa, e devo impegnarmi al massimo: non pranzerò, mi sono fatta dare un buono pasto da mio padre, conto una balla come al solito, sentendomi una merda fallita che non riesce a resistere, come al solito, e vedremo se non scendo.
scusate il delirio

Nessun commento:

Posta un commento